Di fascismo si continua a morire

Pubblichiamo e facciamo nostro un comunicato dei giovani del "Nuovo partito anticapitalista-Npa" francese sull'assassinio a Parigi di un giovane militante di sinistra, Clément Méric.


Clément Méric

Clement, un giovane militante antifascista, studente sindacalista, è stato picchiato a morte, mercoledì 5 giugno a Parigi, da un gruppo di estrema destra (la gioventù rivoluzionaria nazionalista). Esprimiamo la nostra indignazione, la nostra collera, la nostra solidarietà alla famiglia e ai suoi compagni in seguito a tale aggressione. Questi gruppuscoli si sentono rafforzati da queste loro azioni violente, a partire dalle mobilitazioni contro il matrimonio dei gay, dalla progressione del Fronte Nazionale (Marine Le Pen)...
Aggressioni simili sono state organizzate anche a Lione, Tolosa e Poitiers. Questi gruppi hanno obiettivi precisi: i militanti progressisti, i sindacalisti, le loro organizzazioni ed in modo più generale, tutti coloro che vogliono un'alternativa politica a questa società sfruttatrice.
Il movimento democratico e progressista deve prendere coscienza della necessità di mobilitarsi, di fare fronte comune il più largo possibile, per far indietreggiare questa ideologia violenta e repressiva. 




Traduzione dei giovani MPS