Crisi del capitalismo, crisi dell’umanità: quale emancipazione?


Weekend di discussione e formazione
Rodi 4-6 maggio 2012 (Colonie dei Sindacati)

Tutti i giovani interessati sono invitati a partecipare a questo incontro di discussione e formazione. Affronteremo alcune questioni di fondo legate al funzionamento della nostra società. Sarà un’occasione per discutere, per approfondire le nostre conoscenze e per poter stare assieme. Qui di seguito il programma.


Venerdì 4 maggio (in serata)

Arrivo a Rodi e organizzazione delle attività

Sabato 5 maggio

09.30-13: Precarietà,disoccupazione e povertà:tre sfaccettature di una stessa medaglia?
Gli effetti della crisi economica e sociale sono ormai sempre più visibili. Diverse inchieste mostrano un degrado delle condizioni di lavoro e di vita, così come la disoccupazione è aumentata fortemente nel corso degli ultimi anni. Se i giovani e le donne sono i più toccati, anche ulteriori ampi strati della società stanno conoscendo una precarizzazione delle loro condizioni d'esistenza. Ma come possiamo spiegarlo? Si tratta di una conseguenza ineluttabile della crisi economica? Oppure si tratta di uno scontro sociale sul modo in cui la ricchezza si produce e si ridistribuisce? Quale sarà la posta in gioco?

13.00-14.00: Pranzo

14.30-17.30:Crisi e rapporti sociali di genere
Al giorno d'oggi le donne sono colpite in maniera differenziata e cumulativa dal degrado delle loro condizioni di lavoro, dalla soppressione di certi servizi sociali, così come da un'enorme pressione esercitata su di loro perché soddisfino le "norme sociali" (dal "sembrare a" alla "doppia giornata"). L'oppressione di genere non è specifica rispetto alle nostre società, essa è infatti molto più antica; conosce tuttavia delle forme nuove nella società capitalista. Essa si articola pure con le oppressioni e disuguaglianze di classe. È tuttora urgente porsi nuovamente le domande seguenti: in che modo la società capitalista si nutre di questa antica oppressione e le conferisce nuove connotazioni? Cos'è il concetto di genere? Quale rapporto esiste tra la crisi e i rapporti sociali tra i sessi? Quali basi porre oggi per l'emancipazione delle donne ?

19.00: Cena

Domenica 6 maggio

09.30-11.30:La politica dell'UDC in Svizzera:una risposta xenofoba alla crisi?
In un contesto europeo caratterizzato dal ritorno di una migrazione giovanile (spesso molto qualificata) da nazioni come il Portogallo e la Spagna verso la Svizzera e altri paesi a causa di una disoccupazione massiccia (tra il 40% e 50% per coloro sotto i 25 anni), i tentativi di chiusura e le risposte xenofobe fioriscono. Queste reazioni sono tentanti, anche per certi settori della "sinistra".  In Svizzera è tuttavia chiaro che l'UDC è la forza politica che egemonizza le "discussioni" sulle questioni migratorie, in particolare con la loro nuova iniziativa contro "l'immigrazione di massa". Al di là di tale questione sugli stranieri, l'UDC sta formulando un progetto di società conservatore e reazionario che deve essere compreso nel suo insieme. Qual è il substrato ideologico di questo partito? Come le politiche aggressive che l'UDC difende influenzano e radicalizzano le pratiche dello Stato e degli altri partiti nella distruzione dei diritti elementari di ampi strati di persone che vivono in Svizzera? In quale contesto sociale ed economico generale prendono piede? Quali basi di risposta i socialisti devono difendere per combattere questo corso, legando a una battaglia per i diritti fondamentali e democratici una lotta contro lo sfruttamento ed il razzismo?

11.30-12.30:Quali politiche di fronte alla crisi,quale emancipazione?
Dopo aver discusso su questi temi, quale continuità dare al dibattito? Quali basi politiche difendere? Quali prospettive emancipatrici? Come tessere dei legami con altre forze che, in Europa, si pongono delle questioni simili? Parecchie le questioni scottanti da affrontare.

12.30 : Pranzo

14.00: Partenza

Informazioni pratiche
L’incontro, come detto, si tiene presso le Colonie dei Sindacati a Rodi in Leventina. Il costo (vitto e alloggio per tutto il week-end) è  di Fr.40.-.
Per iscriversi basta inviare una mail a rivoluzione@bluewin.ch oppure telefonare allo 079 613 46 68 (Camilla).