campo internazionale 2009

26º campo internazionale di giovani rivoluzionari

Dal 25 al 31 luglio

I campi internazionali di giovani rivoluzionari sono una settimana di dibattiti organizzati dai giovani della IV Internazionale di tutto il mondo. Ogni edizione è diversa, ma il suo spirito è simile: offrire uno spazio di incontro e convivenza per tutti coloro che vogliono cambiare il mondo. Un sistema di traduzione permette di scambiare esperienze tra i diversi paesi presenti. Dibattiti, commissioni, forum, formazione e feste hanno luogo tutti i giorni. Quest’anno si terrà a Igoumenitsa (Grecia). Ogni edizione dei campi ha luogo in un paese diverso a rotazione. Le ultime edizioni sono state organizzate in Francia, Portogallo, Italia, Francia e Stato spagnolo.

Obiettivo: cambiare il mondo



Le mobilitazioni quest’anno sono state importanti: dallo Stato spagnolo (per esempio contro l’applicazione della riforma di Bologna, contro la crisi, ecc.) alla Francia, contro la precarietà lavorativa, dall’Italia, con il movimento dell’Onda e lo sciopero generale, alla Grecia, con la rivolta di novembre…
Lo scopo è dunque quello di dibattere di tutte queste mobilitazioni per vedere quali prospettive di futuro potremo dar loro per continuare a resistere e a indebolire le classi dominanti dei nostri paesi.

Discuteremo anche della realtà politica di molti paesi del mondo, come il Venezuela, la Bolivia, l’Iraq, il Libano, la Costa d’Avorio, ecc. L’obiettivo di questi campi è quello di condividere in un ambiente piacevole le nostre lotte e vedere come conquistare vittorie, organizzando per esempio mobilitazioni su scala internazionale.

Dietro queste lotte sta il nostro desiderio di cambiare società. Per questo è necessario, non solo trasmetterci esperienze di lotte, ma anche chiederci come possiamo finirla con il capitalismo e come costruire una società più giusta.

Qual è il ruolo dei lavoratori e dei giovani? Qual è il ruolo dello stato e come combatterlo? Tutta una serie di domande che ci poniamo e a cui cerchiamo di dare tutti/e assieme una risposta.

Programma


Il programma del campo è diviso in differenti assi tematici, di modo che ogni giorno è dedicato a un grande tema: crisi, imperialismo e internazionalismo, lotte sociali della gioventù, femminismo e liberazione lgbt, strategia rivoluzionaria per cambiare il mondo. Ogni giorno si realizzano diverse attività su questi grandi temi: forum, workshop e formazione. I Forum sono assemblee plenarie in cui intervengono diversi oratori di vari paesi e momenti di incontro di tutti/e i/le partecipanti del campo. I workshop sono attività più ristrette, realizzate simultaneamente, dove si trattano e si discutono vari temi in modo più approfondito, e permettono il dibattito e lo scambio di opinioni tra i partecipanti. La formazione è un momento in cui si introduce il tema trattato in ogni sessione (imperialismo, gioventù e classe salariata, oppressione delle donne, movimenti sociali e partiti politici, rivoluzione e contropotere, ecc).


Attività ludiche, alternative e demercificate

Al campo ci sono anche attività di svago, feste e di ozio alternativo e demercificato. Ogni notte c’è una festa, con un contenuto, un tema e uno stile differenti, incluse una festa non mista di/per sole donne e una festa LGBT (aperta a tutti/e). Ci sono anche momenti liberi, con la possibilità di fare escursioni nei dintorni del campo, e attività culturali come passi di video e film.

Commissioni permanenti



Durante tutta la settimana ci sarà uno spazio dedicato alle commissioni permanenti specifiche di vari movimenti (studentesco, solidarietà internazionale, giovani lavoratori, ecologia, ecc.) nelle quali gli attivisti di questi rispettivi movimenti sociali si scambieranno esperienze e cercheranno di coordinare le risposte su scala internazionale.

Spazi tematici 



Nel campo ci sono uno spazio specifico di donne e uno spazio lgbt, con attività e dibattiti propri.

Autogestione e sostenibilità



Il funzionamento del campo è completamente autogestito dai partecipanti. L’obiettivo è di tentare a funzionare come vorremmo che funzionasse una società alternativa a quella attuale e costruire esperienze di convivenza e di organizzazione alternative. Le diverse attività (pulizia, sicurezza, turno del bar, ecc.) si svolgono a rotazione con gruppi di volontari. Ogni giorno ci sono riunioni delle diverse delegazioni che partecipano, e riunioni di coordinamento generale del campo, per fare un bilancio delle attività giornaliere. Il campo è organizzato con criteri sostenibili, per non recare danno all’ecosistema. Il mangiare del campo include menu vegetariani e non.

Più info

Prezzo: 130 €. (iscrizione: tutto incluso) + trasporto (ca 200 €).
Pasti: inclusi (c’è anche cucina vegetariana), portare un bicchiere, piatto e posate.

Alloggio: portare la tenda, sacco a pelo, materasso, lampada tascabile.
Il campeggio è completamente equipaggiato con tutte le comodità e ha numerose zone all’ombra. Per maggiori informazioni sul programma, l’iscrizione o altro, contattaci:

mail: rivoluzione@bluewin.ch

tel: 076/489.55.50 (Leonardo)

Indirizzo postale: MPS, CP 2320, 6501 Bellinzona