Rivoluzione Marzo - Speciale NOVAT3

Laicità nella scuola



C'è da stare tranquilli



- Il mea culpa dei retrivi -


Ebbene sì, abbiamo peccato. Dobbiamo ammetterlo e pentirci: quanto scritto la scorsa settimana è “fazioso” e inesatto. Che sia tutto tutto falso, proprio non si può dire (vedi rettifica del testo, sul retro). E se davvero fosse così terribilmente falso e “delirante” quello che abbiamo scritto, le conseguenze sarebbero state decisamente gravi.Al contrario invece, la nostra presa di posizione, quantunque un po’ irruenta, ha risvegliato i migliori istinti di questa scuola…


La buonafede della direzione...


La Direzione ha convocato immediatamente uno di noi per un cordialissimo colloquio; senza nemmeno che questi dovesse discutere un poco, la totalità dei cinque membri di direzione ha tenuto sin da subito a manifestare calorosamente la propria buonafede in tutta questa faccenda; si è impegnata quindi a dimostrarla anche coi fatti, organizzando a qualunque costo l’evento prossimamente, non “affossando” assolutamente il dibattito.Noi aspettiamo con gioia di vedere realizzato questo intento. Intanto, invitiamo tutti a leggere attentamente la verità sui fatti, illustrata dalla direzione nella sua presa di posizione.


... e quella di CL


Anche gli amici di CL, attraverso il proprio capofila locale, si sono premurati di manifestare il proprio dispiacimento per la nostra mancanza di fiducia nella loro onesta e peraltro proverbiale apertura al dialogo.Loro, noti progressisti, (CL, per ricordarci, è un’organizzazione filo-ecclesiastica che nega il diritto all’aborto, la contraccezione, il divorzio, che inneggia alla messa in latino e, quando non li insulta, nega i diritti degli omosessuali) loro hanno simpaticamente rimproverato noi di Rivoluzione! per il nostro carattere “retrivo”.Una piacevole lettera in questo senso, firmata Luigi Colombo (ma a nome di C.L., perché nascondersi? ancora una volta manca il coraggio in questa potente organizzazione?), è stata esposta all’albo principale.


Ancora dubbi? Ma dai...


L’albo principale della nostra scuola, come tutti sanno, oltre che alle comunicazioni della direzione, ha anche la funzione di ospitare gli sfoghi dei ciellini su questioni politiche.Niente di sorprendente, se pensiamo che da un anno costoro hanno chiesto e ottenuto dalla direzione che venga loro messa a disposizione un’aula per la preghiera (cattolica). E di questo acquisizione se ne sono anche trionfalmente vantati a mezzo stampa (ma a loro nessuna rettifica è stata chiesta).
Che sollievo!
C’è da star tranquilli insomma. Siamo confortati di aver saggiato come la nostra scuola sia solidametne laica, e il laicismo costituisca un punto fermo nella scuola ticinese. Un fatto talmente acquisito e saldo che non è scomodo, non solleva discussioni, parlarne.Quanto a noi, poveri peccatori, una volta rettificato il nostro errore, non possiamo che pentirci nel profondo; e ciascuno di noi stasera reciterà, in segno di penitenza, quindici “ave Maria”.



Rettifica: cosa era vero, e cosa no nel testo pubblicato su Rivoluzione
del 28.2 e distribuito al Liceo di Bellinzona


Giorgio Sestili avrebbe dovuto parlare anche al Liceo di Bellinzona. (VERO) L'iniziativa, promossa dalla commissione culturale, era in preparazione già da due settimane (VERO). Perché non si terrà, come previsto, alle 14.00 di oggi, questo incontro per gli studenti (VERO)? Perché non si terrà e basta: i motivi restano infatti misteriosi (VERO, nel momento in cui si scriveva. Valeva persino per alcuni membri della direzione!). La direzione ha deciso di annullare l'incontro (VERO: per la precisione: l’incontro programmato per il 28) dopo che i "sostenitori del Papa" (don Rolando Leo) da tempo sollecitati, hanno rinunciato a proporre un loro rappresentante, che rispondesse all’intervento dello studente della Sapienza (VERO). Infatti, come pare molto credibile, in tutta la Chiesa cattolica ticinese e affini (CL) non c’è una persona disponibile a parlare di laicismo della scuola (VERO). Eppure si era anche proposto loro, in questo caso, di organizzare un loro spazio esclusivo in futuro (un contraddittorio "in differita") (VERO). Nonostante esistessero dunque in ogni caso le garanzie di fornire agli studenti entrambi i punti di vista sull'argomento (VERO), la Direzione ha deciso di affossare (FALSO: di
rimandare) l'incontro con Sestili, rimandandolo "sine die" (cioè: "lo faremo poi, poi, poi, dopo, dopo, dopo"... (VERO)Speriamo di vedere presto smentiti questi cattivi pensieri, però la cosa è sospetta (VERO). Certo, siamo abituati in questo istituto a decisioni dall’alto un po’ papali, cioé dogmatiche, poco trasparenti, indiscutibili (VERO: vedi, solo per quel che riguarda gli studenti, autogestite, feste e assemblee). Qualche dubbio viene però (VERO). Ora, pensare che i "cattolici", magari ben consigliati, abbiano deciso di boicottare l'iniziativa, sarebbe davvero pensare male. (VERO: sarebbe proprio pensare malissimo, concepire l’impossibile!) Certo che la paura di fare brutta figura deve essere proprio grande... (VERO?) Credere che la direzione o parte di essa abbia ceduto alle pressioni del docente di religione cattolica e dei docenti vicini alla Chiesa, sarebbe davvero pensare male. (VERO: idem come sopra) E a pensare male, si fa peccato... (VERO)